“Il cristianesimo è del tutto irrazionale e non è verificabile. Perché dovrei crederci senza avere prove?”

Richard Dawkins è un docente di fama mondiale all’Università di Oxford e un difensore appassionato della teoria dell’evoluzione. E’ anche un ateo impegnato che una volta ha scritto una lettera alla sua figlia di 10 anni dal titolo, “Motivi buoni e cattivi per credere”. Lui le spiega che la prossima volta che qualcuno le dice qualcosa che suona importante di provare a pensare: ‘È questo il genere di cose che la gente probabilmente conosce grazie alle prove”. O è il genere di cose che la gente crede solo a causa della tradizione, autorità o rivelazione? ‘E la prossima volta che qualcuno le dice che qualcosa è vero, perché non dire loro: ‘Che tipo di prove ci sono per questo? E se non hanno una risposta è meglio pensare attentamente prima di credere a quello che dicono.

Dawkins ritiene che se non si può dimostrare qualcosa in un laboratorio o dare qualche tipo di prova logica al cristianesimo, allora  non si può essere sicuri di questo credo. Per Dawkins l’unica buona ragione per credere che qualcosa è se si dispone di questo tipo stretto e molto specifico di prova per esso. Nel suo libro “Il cappellano del Diavolo”, Dawkins passa la maggior parte del suo tempo a guardare tre cattive ragioni per credere che sono le seguenti: tradizione, credi che non hanno alcun collegamento con l’evidenza, e l’autorità; ci viene detto di credere, da qualcuno importante, e la rivelazione, un sentimento (che hanno i religiosi) dentro di sé che qualcosa deve essere vero. Dawkins suggerisce che molte persone credono che il cristianesimo sia vero sulla base di questi tre credenze irrazionali (la tradizione, l’autorità, la rivelazione) piuttosto che su un qualsiasi fatto.

Quindi, come può una persona riflessiva credere nel cristianesimo, dal momento che è base è così irrazionale?

In primo luogo, la vera fede cristiana non solo è costruita sulla tradizione, l’autorità e la rivelazione. Richard Dawkins tende a travisare ciò che i cristiani credono davvero e questo rende più facile per lui distruggere il loro parere.

Dawkins travisa la rivelazione. La rivelazione cristiana non è una soggettiva né di una esperienza o di sentimento personale. La rivelazione è in realtà l’idea che Dio, che è al di sopra della cultura e la lingua, abbia scelto di divulgare o rivelare se stesso. Se Dio è lì, non è irragionevole ritenere che possa comunicare in modo chiaro quando vuole.

La divulgazione o la rivelazione cristiana non sono solo sentimenti, sono in primo luogo oggettivo. Ad esempio, l’universo presenta alcune creazioni geniali di Dio, la persona storica di Gesù di Nazareth e documenti storici nella Bibbia.

Tuttavia è vero che vi è una componente soggettiva alla fede cristiana. Così come c’è una differenza tra il dire la verità e credere alla verità. Chi crede ha spesso un senso soggettivo che quello che accettano intellettualmente è proprio vero. Quindi, Dawkins sostiene che la rivelazione è puramente soggettiva non è tutta la verità.

I cristiani credono davvero che il cristianesimo sia vero, e ci sono buone ragioni per questa affermazione, e incoraggiano chiunque ad esaminare e verificare. I cristiani non credono che il cristianesimo sia vero solo perché hanno avuto qualche tipo di esperienza o di sentimento straordinario. L’invito è aperto anche a te, a esaminare le prove, e il modo migliore per farlo è quello di indagare su Gesù di Nazareth.
Quando sei sicuro che i documenti siano affidabili, allora abbiamo bisogno di affrontare questa domanda: se Gesù veramente ha fatto e ha detto tutte quelle cose incredibili, tra cui la guarigione di non vedenti dalla nascita, conoscendo il futuro e resuscitare persone dalla morte, poi risorgendo dalla morte lui stesso, è possibile che egli fosse semplicemente un uomo?

© Adrian Jervis