La distinzione tra Adamo ed Eva genealogici e Adamo ed Eva genetici è uno dei concetti più importanti da introdurre nella conversazione su Genesi 2 e della scienza. Con questa distinzione, i modelli di interpretazione pongono una coppia storicamente e teologicamente distinta all’interno di un gruppo più ampio di popolazione umana, restando scientificamente validi.
Nel suo libro, The Genealogical Adam & Eve, il Dott. Swamidass presenta alcuni scenari ipotetici che mettono insieme in modo plausibile l’ascendenza genealogica universale ed Adamo ed Eva storici. Ha dato un contributo significativo mantenendo sul tavolo tutte le opzioni possibili.
Per quanto riguarda gli aspetti biblici del suo modello, il Dott. Swamidass mi ha chiesto di condividere alcune utili categorie linguistiche che sono valide quando si considerano le opzioni interpretative per la Genesi 2. Un modello di comunicazione denominato “Teoria della pertinenza” è stato ampiamente accolto negli ambienti linguistici per decenni, ma è a malapena conosciuto negli studi biblici.
Il punto di forza della Teoria della pertinenza è l’attenzione al modo in cui i testi interagiscono con l’ambiente cognitivo in cui sono scritti, comprese le ipotesi implicite che vengono tratte da un autore mentre comunica con un pubblico. In particolare, è fondamentale comprendere la differenza tra le ipotesi implicite che sono accidentali nell’ambiente cognitivo di un autore e del pubblico e le ipotesi che sono effettivamente implicate dall’autore come rilevanti per il messaggio da trasmettere.

“C’è un albero” in tre varianti
Lasciatemi spiegare con una semplice illustrazione non biblica, e poi vi darò un paio di suggerimenti su come questa distinzione sia importante quando si considerano le opzioni interpretative nella Genesi 2.
Immaginate di camminare in un campo e io dico: “C’è un albero”. L’ambiente contestuale, comprese le nostre attuali circostanze, fornisce il contesto cruciale da cui attingere per dare un senso alla mia affermazione. Condividiamo tacitamente molte ipotesi sugli alberi che possono essere coinvolte o meno nella mia comunicazione.
Considerate tre diversi contesti e come contribuiscono all’interazione tra la mia dichiarazione e le nostre ipotesi condivise che sono sottintese sugli alberi:
(1) Fuori fa caldo e siamo stanchi del sole. Questo vi porterebbe a considerare l’ipotesi di un “albero” che potrebbe fornire un po’ di ombra; e la mia dichiarazione, “C’è un albero”, che è in realtà un suggerimento che cerchiamo rifugio all’ombra.
La supposizione che gli alberi possano fornire ombra è implicita nel significato della mia affermazione. Tuttavia, ci sono altre ipotesi, per inciso, che non sono coinvolte nel significato della mia asserzione.
Cambiamo i contesti: (2) Siamo ora in un deserto e stiamo esaminando le nostre bottiglie d’acqua vuote. Un’altra ipotesi sugli alberi entra in gioco; cioè, dove ci sono alberi c’è acqua. In questo caso, le stesse parole usate nella figura 1 contengono ora un presupposto implicito sull’acqua.
Consideriamo un terzo scenario: (3) Non possiamo vedere oltre la collina, ma desideriamo avere una visione più lontana di ciò che ci aspetta. Viene in mente un intero schema di una arrampicata sull’albero, in cui possiamo arrampicarci sull’albero per ottenere un vantaggio visivo. Nulla dell’ombra o dell’acqua è rilevante o collegato a questa terza circostanza, ed il fatto che gli alberi forniscono ombra e sono vicini all’acqua è secondario.
Queste ipotesi rimangono indirettamente vere, cioè gli alberi (A) forniscono ombra e (B) crescono vicino a fonti d’acqua, ma A e B non sono rilevanti per stabilire che “c’è un albero” in tutti questi casi. Quindi nessuna delle due ipotesi è interessata dall’evento comunicativo. Ci sono molti altri fatti accidentali che potremmo conoscere sugli alberi che non sono inclusi. Gli alberi forniscono combustibile (se abbiamo bisogno di fuoco), gli alberi sono a volte commestibili (se abbiamo fame), ecc. ecc.

Implicato vs. Accidentale
Con una distinzione tra ipotesi sottintese e accidentali, la Teoria della Rilevanza descrive come la mente umana ottimizza il beneficio cognitivo derivante dalle parole con un minimo sforzo di elaborazione mentale. Dal punto di vista del destinatario, nel giusto contesto della comunicazione, le ipotesi che non sono implicite vengono automaticamente ignorate.
Dal punto di vista dell’autore, le ipotesi non pertinenti all’intenzione informativa non sono coinvolte. Molte ipotesi sono sottintese nel nostro schema sugli alberi, ma non sono necessariamente comprese in un dato discorso che coinvolge un albero.
Un altro concetto correlato è quanto una supposizione possa essere fortemente (o debolmente) collegata al significato. Ad esempio, negli scenari (1) e (2) soprastanti, entrambe le ipotesi potrebbero essere o non essere rilevanti per il mio significato. Nel caso in cui sia necessaria l’ombra, l’ipotesi che gli alberi forniscano ombra è fortemente implicita, ma l’ipotesi sull’acqua potrebbe non essere affatto implicita se le nostre bottiglie d’acqua sono piene. Questa premessa potrebbe effettivamente venire in mente in una giornata calda, ma in questo è solo debolmente implicata e non è affatto importante per quello che intendo comunicare.
Per un esempio biblico, il significato della ben nota frase “il sole è sorto” può essere analizzato in questo modo.
L’uso di questa espressione nella Genesi 19:23 implica il presupposto che l’alba segna l’ora del giorno e quindi fornisce l’impostazione cronologica per la narrazione. Le supposizioni sull’astrofisica non sono fortemente implicate dal testo anche se il pubblico originale aveva un modello geocentrico del sistema solare e potrebbe aver accidentalmente pensato al moto solare in questo contesto. Ipotesi astronomiche nell’ambiente cognitivo del pubblico sarebbero nel migliore dei casi solo debolmente implicate, ma in ogni caso non facenti parte dell’intenzione informativa del testo.

Cosa implica la Genesi?
Consideriamo ora Genesi 2 e alcuni suggerimenti di Swamidass. Un’idea centrale nel genealogico Adamo ed Eva è che Adamo ed Eva coesistevano con un gruppo di popolazione umana più ampio. Se si considerano le connessioni genealogiche, e non le connessioni genetiche, significa che c’è un numero di persone esistenti al tempo di Adamo ed Eva, ed è un’ipotesi non necessariamente coinvolta nel testo.
Infatti, come Swamidass e altri osservano che ci sono prove nel testo nella Genesi 4 che potrebbero avvalorare l’ipotesi di un gruppo di popolazione più ampio; ma l’esistenza o la non esistenza di un tale gruppo sono ipotesi non implicate nella Genesi 2 (o, nella migliore delle ipotesi, solo debolmente implicate).
Inoltre, se Adamo è principalmente archetipico (anche se storico), quindi la creazione ex novo non è implicata. Swamidass mostra che l’evidenza scientifica non ci mostra nessuna delle due cose, e la formulazione della Genesi 2 spinge alcuni a concludere che la creazione ex novo è implicita; come è noto, tuttavia, ci sono anche motivi per interpretare la creazione dalla polvere metaforicamente. Agli interpreti viene poi lasciato un testo che non è ben definito su questi punti e sono liberi di speculare su un’idea così debolmente implicita.
Il mio punto non è quello di pesare su una particolare opzione interpretativa, ma piuttosto di spiegare che le opzioni interpretative dipendono tutte da supposizioni di fondo implicite che non sono fortemente implicite dal testo. Una coppia umana storica può essere fortemente implicata nel capitolo nel suo insieme, ma la modalità della loro origine e l’esistenza di un gruppo più ampio di persone potrebbe non essere implicata. Per le ipotesi che sono solo debolmente implicate, l’interprete ha la responsabilità di leggerle nel contesto, e non sono necessariamente pertinenti all’intenzione informativa dell’autore.

L’immagine implicata di Dio
Un altro tema importante di discussione è la natura dell'”immagine di Dio” e la sfera degli individui all’interno della popolazione umana che ne sono portatori di immagine. Gli esegeti e i teologi devono considerare più attentamente la differenza tra gli attributi umani che sono implicitamente necessari alle persone per essere portatrici di immagine e ciò che in realtà implica la Gen 1:26–28. Caratteristiche come l’intelletto, l’emozione e la volontà, per esempio, possono essere necessariamente vere per gli esseri umani, ma non sono implicate nell’insegnamento della Genesi 1 riguardo all’immagine.
A mio parere, gli aspetti attitudinali e relazionali dell’immagine sono fortemente implicati dal testo, ma gli elementi strutturali (cioè ontologici) sono solo impliciti, ma non implicati. Questa analisi rafforza l’idea di un recente Adamo ed Eva genealogica, che in alcune versioni potrebbe sminuire l’importanza delle considerazioni strutturali quando si considera quali creature possono o meno essere considerate portatrici di immagine.
Si spera che questi esempi illustrino l’utilità di distinguere tra l’accidentale e l’implicato nell’intento dell’autore.
Che il lettore di questo post sia d’accordo o meno con la mia valutazione è irrilevante. Ciò che è importante è che nella discussione si tenga conto di considerazioni linguistiche più solide.
Da un punto di vista linguistico, abbiamo la libertà di esplorare diverse ipotesi su punti accidentali, come la possibilità di persone al di fuori del Giardino.  Le ipotesi formulate nel testo dai lettori originali, o da noi, non sono necessariamente l’insegnamento della Scrittura quando non sono fortemente implicate.

John W. Hilber è professore di Antico Testamento al Seminario Teologico di Grand Rapids. È autore di diversi libri e di numerosi articoli accademici che mettono in relazione l’Antico Testamento con il suo background dell’antico Vicino Oriente. Come ricercatore senior per il Progetto Creazione dell’Henry Center (2016-2017), ha studiato l’applicazione della teoria della rilevanza alla questione dell’accomodamento divino nel linguaggio cosmologico dell’Antico Testamento (Old Testament Cosmology and Divine Accommodation: A Relevance Theory Approach, Eugene, OR: Cascade, 2020).


Testo pubblicato originariamente su Peaceful  Science. Tradotto e riprodotto qui con l’autorizzazione da parte dell’editore Peaceful Science. Il suo utilizzo totale o parziale è proibito in ogni forma previa richiesta e autorizzazione di InfoStudenti. Il contenuto del presente articolo non è alterabile o vendibile in alcun forma.
© InfoStudenti

 

Condividi questo articolo