image_pdfPDF

“La scienza non ha mai scoperto nulla che sia in contrasto con l’esistenza di Dio. L’ateismo, quindi, non è un atto di rigore logico teorico, ma un atto di fede nel nulla”. Antonino Zichichi, il fisico più famoso d’Italia, risponde a Umberto Veronesi che nel suo ultimo libro ha scritto che il cancro è la prova che Dio non esiste. Zichichi, invece, scrive sul Giornale il contrario: il tumore è una questione di cellule, mentre l’universo è la prova che Dio c’è.

L’evoluzione culturale – Ecco il ragionamento: “C’è un’altra forma di evoluzione che batte quella biologica: l’evoluzione culturale. L’evoluzione biologica della specie umana non avrebbe mai portato l’uomo a scoprire se esiste o no il supermondo, come facciamo al Cern. Né a viaggiare con velocità supersoniche. Né a vincere su tante forme di malattia che affliggevano i nostri antenati. La nostra vita media ha superato gli 80 anni e le previsioni vanno oltre i cento anni, grazie alla scoperta che il mondo in cui viviamo è retto da leggi universali e immutabili“.

Il caos e la logica – Gli uomini, continua Zichichi, sono gli unici viventi dotati “della straordinaria proprietà detta ragione“. E la scienza ci dice che “non è possibile derivare dal caos la logica che regge il mondo, dall’universo sub-nucleare all’universo fatto con stelle e galassie. Se c’è una logica deve esserci un Autore. L’ateismo, partendo dall’esistenza di tutti i drammi che affliggono l’umanità, sostiene che se Dio esistesse queste tragedie non potrebbero esistere. Cristo è il simbolo della difesa dei valori della vita e della dignità umana. Che sia figlio di Dio è un problema che riguarda la sfera trascendentale della nostra esistenza. Negare l’esistenza di Dio però equivale a dire che non esiste l’autore della logica rigorosa che regge il mondo. Tutto dovrebbe esaurirsi nella sfera dell’immanente la cui più grande conquista è la scienza”.

LIBERO
18 novembre 2014

image_pdfPDF