Se uno avesse la potenza di salvare milioni di vite umane sterminando una intera specie, lo faremmo? Domande etiche sono state presenti per decenni in un modo o nell’altro in libri di testo, seminari, e in popolari serie tv di fantascienza. Con l’avvento della tecnologia CRISPR/Cas9 che offre un’allettante possibilità e che potrebbe essere un dilemma nelle prossime decadi. Un articolo nell’Economist delinea come siano stati investiti milioni di dollari per i cosiddetti impulsi genetici, inserendo tratti genetici letali e sterilizzanti in una popolazione causando il proprio logoramento verso l’estinzione. Tali tipi di unità genetiche potrebbero includere la possibilità di produrre prole di sesso maschile, che potrebbe significare un collasso totale della popolazione nell’arco di una generazione.

Perché dovremmo scegliere di fare questo, quando il focus mondiale corrente è sulla biodiversità e sulla conservazione delle specie? La risposta è semplice, ed è quello di debellare i vettori di alcune delle maggiori malattie tropicali. Zanzare che trasmettono la malaria, la febbre dengue e il virus Zika e la mosca tse-tse che trasmette Tripanosomiasi (la malattia del sonno) sono sono solo due di numerosi invertebrati che trasmettono gravi malattie agli esseri umani. Eliminando il vettore è ovviamente un modo per fermare la trasmissione.

Questa idea non è nuova, le paludi vicino a Roma furono prosciugati da Mussolini per interrompere il riprodursi delle zanzare che trasmettevano la malaria agli italiani. Il para-diclorodifeniltricloroetano (DDT)  era ampiamente utilizzato per debellare le zanzare in Africa ed in Asia (con conseguenze disastrose) nell’era postbellica. Ma il totale debellamento non è mai stato tecnicamente possibile, fino ad ora.

Mentre è vero che qualsiasi caratteristica negativa che viene introdotto nella popolazione tende a sparire perché chi non porta il gene hanno più probabilità di sopravvivere per riprodursi, l’unità genetica è un metodo per aggirare questo processo re-introducendo continuamente le caratteristiche che nel tempo causano il collasso della popolazione.

Qui sta il dilemma. La malaria, la dengue, la malattia del sonno e molte altre malattia di questo tipo causano morte e miseria su un livello incalcolabile in gran parte dell’Africa e dell’Asia. Per rendere queste malattie una storia passata, sembra che varrebbe la pena pagare il prezzo dell’estinzione della specie. L’etica biblica insegna che la vita umana vale di più della vita animale, quindi il sacrificio di un animale per un umano è visto come accettabile e anche desiderabile.

Ciò nonostante, l’eliminazione di tutto il tipo di animale sembra istintivamente sbagliato. Prima di tutto, ogni specie (anche quelle che non ci piacciono o di cui abbiamo paura) servono ad uno scopo. Rimuoviamo le mosche è il processo di decomposizione va in stallo. Rimuoviamo un insetto che è una parte chiave della dieta di un altro predatore e potremmo vedere più di una specie verso l’estinzione. Introduciamo un predatore alieno per placare una specie e potremmo vedere declinare altre popolazioni. É un grosso rischio alterare la creazione, come abbiamo imparato con il DDT.

Come indica l’Economist, una volta rilasciate nell’ecosistema, l’unità genetica viaggia attraverso confini internazionali e nazionali senza controllo o senza scrupoli, quindi le sfide politiche nel concordare un simile programma sono enormi. Lasciando da parte il pragmatismo, la questione etica essenziale, sul fatto se dovremmo (o potremmo) eliminare una specie alterando il genoma, richiede una seria considerazione. Stiamo assumendo un ruolo divino. Abbiamo l’integrità morale, spirituale e praticità per poterlo compiere? Visto la recente storia umana, persino gli atei convinti dovrebbero confessare che non li abbiamo!

Inoltre, una volta che ne eliminiamo o ne modifichiamo una specie, quale altre vorremo cambiare in altri modi? Non è solo il miglioramento umano che CRISPR/Cas9 rende possibile nel prossimo futuro. Possiamo già modificare raccolti e animali per scopi agricoli, per aumentare i raccolti e la resistenza alle malattie. Cosa succede se modifichiamo altre specie perché diventino meno pericolosi per noi, rendendo ragni e serpenti meno velenosi per gli umani per esempio? Se noi lo otteniamo, avremmo anche la potenzialità di fare l’opposto. Attaccare geneticamente altre specie, specialmente microbi, è già causa di preoccupazione, e questa tecnologia potrebbe rendere molto più possibile. Se un governo ostile o un’organizzazione terroristica potesse accedere e utilizzare tale tecnologia, le conseguenze potrebbero essere disastrose.

Tuttavia non abbiamo bisogno di preoccuparci solo di usi ostile di unità genetiche. Gli interessi commerciali saranno un problema che sarà necessario controllare. Modificare ed eliminare specie che rappresentano una minaccia per le preoccupazioni commerciali potrebbero avere conseguenze non intenzionali di vasta portata. La regolamentazione di tali usi sarebbe un campo minato politico in quanto avrebbe anche bisogno di un accordo globale. Tutto ciò che sarebbe necessario è uno stato canaglia che consenta un uso illimitato delle pulsioni genetiche e che le principali conseguenze ecologiche e sociali potrebbero derivare in un’area più vasta.

Non c’è dubbio che dobbiamo investire di più nella ricerca per trovare nuovi metodi per controllare le malattie tropicali. Vaccini, zanzariere, drenaggio per le paludi, Wolbachia e altri nuovi microrganismi e molti altri metodi funzionano, però non hanno sempre avuto sufficienti investimenti o sufficiente tempo per avere un impatto significativo. Ancora più efficace sono gli interventi bassa tecnologia, basati sulla comunità, che aiutano le popolazioni a identificare i loro metodi per proteggersi senza fare affidamento sull’hi-tech e donatori occidentali. Quindi è preoccupante sapere che la Fondazione Gates ha investito 75 milioni di dollari nella ricerca sulle unità genetiche quando ce ne sono altre da scoprire e su cui investire. meno pericolose e eticamente meno discutibili.

Scritto da Steve Fouch, Settembre 19, 2016, New Technologies.  Steve Fouch è Connections Manager in CMF, e ha lavorato in passato come infermerie di comunità, in cure palliative HIV e AIDS. Le opinioni espresse non riflettono necessariamente quelle di CMF.

Gene Drives: the ethics of destroying a species to save human lives