Secondo la credenza popolare del Big Bang, il nostro universo si è improvvisamente creato 15 miliari di anni fa mandando la materia attraverso lo spazio. Dopo milioni di anni si era raffreddato abbastanza da fondersi in miliardi di dischi proto galattici rotanti, e molto più tardi nelle stelle. Nel corso di miliardi di anni, alcune stelle sono state sottoposte a supernova, che ha fatto riemergere materiale nello spazio, che successivamente si è fuso in stelle di seconda generazione, alcune delle quali sono esplose, portando le stelle ad una terza generazione come il nostro sole. I pianeti sono composti da polvere di stelle residua che non è caduta nel sole. Anche se si pensa che la nostra terra e il suo sistema solare abbiano circa 4,6 miliardi di anni, è molto più giovane delle stelle di prima e seconda generazione, delle galassie e delle particelle subatomiche che cadono ovunque attraverso lo spazio. In effetti, quasi niente è più giovane della terra.
Al contrario, la Bibbia indica che la creazione di tutte le cose è stata compiuta in un periodo di sei giorni solo poche migliaia di anni fa. La terra è stata creata il primo giorno mentre il sole, la luna e le stelle sono stati creati il quarto giorno. Poiché migliaia sono meno di miliardi, il termine “giovane terra” è arrivato a descrivere la recente posizione sulla creazione.
In un recente seminario, il mio amico Tom Godfrey mi ha sfidato sull’uso del termine “Giovane Terra” per i seguenti motivi:
In primo luogo, secondo il nostro punto di vista creazionista, nulla in tutta la creazione è più antico della terra, perché è stato creato “in principio” (Genesi 1: 1). Di conseguenza, se la terra è giovane, allora tutto il resto è giovane o addirittura più giovane. Secondo l’idea del Big Bang, l’universo stesso è molto più antico della terra, così nel loro modello, in confronto all’universo, la terra potrebbe essere considerata giovane. Quindi per loro, il descrittore ha un significato reale. Solo confrontando alcuni migliaia di anni con oltre quattro miliardi di anni come età della terra in due distinte prospettive, possiamo ragionare sull’idea che la terra sia “giovane”. La validità del termine dipende interamente dall’esistenza delle due prospettive, che si presume siano entrambe vitali.
In secondo luogo, consideriamo un “nuovo” edificio. Possiamo anche chiamarlo un edificio “giovane”? Non credo. Un edificio può essere vecchio, ma non può essere giovane. Ci riserviamo il termine giovane per cose vere e in crescita verso la maturità. Gli oggetti inanimati non sono considerati, perché sono al loro meglio e già di dimensioni standard quando vengono costruiti per la prima volta.
Quindi quale termine sarebbe più appropriato di giovane? Termini come nuovi e recenti evitano il secondo problema, ma non il primo. Se la terra è nuova, cosa può essere vecchio? Cosa è venuto alla luce meno recentemente nella nostra prospettiva? La creazione della terra è l’evento meno recente della storia.
Un vero dilemma. Non sto proponendo di lasciar cadere i termini giovane terra e vecchia terra, perché sono descrittivi e ben stabiliti. Tom suggerisce di chiamarci “creazionisti della terra storica”, non solo perché è accurato, ma perché riconosce la vera storia della Scrittura. Nel frattempo, considerando il termine, ci aiuta a rafforzare un’importante verità.

JOHN D. MORRIS, PH.D.
John D. Morris, Ph.D. 2004. How Young Is the Young Earth?. Acts & Facts. 33 (12).