Risposta: Vi è almeno un grosso problema con questa frase, spesso si sente dire che non c’è prova di Dio e che quindi i Cristiani credono alle favole (o qualcosa del genere), mentre è più come dire che non vi è alcuna prova fisica dell’essere di Dio nel mondo fisico e quindi i Cristiani credono nelle favole (dato che tutte le cose ” reali” per  l’ateo-materialista si presume che siano fisiche). Il fatto che i cristiani non abbiano mai affermato di credere in un Dio fisico come solo un essere fisico in più tra tutti gli altri esseri fisici nell’universo – non ferma questo tipo di atei dal pensare che hanno rovinato 40 secoli di pensiero religioso, l’esperienza e la raffinatezza con la semplice menzione di questo “uomo finto”. Raramente tengono conto che la prova fisica andrebbe a contrastare al 100% il credo teistico giudaico-cristiano.

La loro argomentazione contro un Dio fisico è in realtà elogiato e difeso dai cristiani. La Bibbia dichiara con orgoglio più volte che Dio è spirito. In poche parole: il cristianesimo crede in un Dio immateriale, quindi chiedere la prova materiale della sua esistenza è privo di senso. Questo fatto non è, ovviamente, la prova che la pretesa cristiana sia vera, ma semplicemente la prova che con tali attacchi l’ateo non ha ancora cominciato ad oscillare nella direzione del cristianesimo. Molti atei protesteranno dicendo che è l’attività di Dio a dover essere rilevabile nel mondo fisico, non il suo essere reale. Tutto ciò è corretto, ma quando vengono presentate evidenze di attività di Dio nel mondo questi stessi atei sonoramente li rifiutano, a prescindere dalla validità scientifica o filosofica delle prove. Sembra che non ci sia alcuna prova di attività di Dio nel mondo che possa passare la giuria della popolare opinione atea. Molti sembrano pensare che l’ammissione di una sola prova nella loro corte sarebbe uguale ad un crollo totale nel loro caso contro il cristianesimo. E’ bene tenere a mente che: “evidenza” e  “prova” non sono uguali. Non siamo costretti intellettualmente ad accettare il cristianesimo sulla base di una buona evidenza.
Tuttavia, se per “nessuna prova” un ateo ha in mente qualcosa di più come, “Non vi è alcuna prova logicadell’esistenza di Dio …”, allora l’uomo di paglia diventa improvvisamente un muro di mattoni. Gli argomenti logici per Dio sono molto vasti e testati nel tempo contro alcune delle più grandi menti di tutti i tempi che lavorano instancabilmente contro di loro. E sono argomenti ben noti e possono essere facilmente trovati online o nei libri.

Ma ciò che è scoraggiante quando si è coinvolti in un dibattito con gli atei, in particolare quello virale, è l’attacco costante che afferma che la fede è illogica, irrazionale, o che è tutta una favola, creduto solo da ignoranti e malati di mente. Una cosa è negare volontariamente l’evidenza di Dio dopo un ascolto attento, una altra è rimanere volontariamente ignorante di una visione opposta è sostenendo che la visione opposta è ignorante. Ma un tale comportamento è in genere un segno di una persona dolorosamente insicura circa la sua posizione, e usa una grande varietà di insulti come copertura per un fallimento di visione.