“Hai mai avuto un sogno, Neo, che eri così sicuro che fosse reale? Cosa succederebbe se non fossi riuscito a svegliarti da quel sogno, Neo? Come faresti a sapere la differenza tra il mondo dei sogni e il mondo reale?”

Siamo intorno all’anno 2199 anche se pensiamo che sia il 1999 e l’uomo ha perso la guerra contro l’Intelligenza Artificiale ed ora viene coltivato a fini energetici (a poco più di 120 volt per essere precisi). Le persone vengono letteralmente coltivate per alimentare la tecnologia che ora guida il mondo. La Terra come la conosciamo in realtà non esiste – Matrix ci permette solo di pensare che lo è. E sta cercando di trovare e addestrare il suo “salvatore”, Neo (Keanu Reeves), un programmatore informatico/cyber-terrorista che si sveglia da un sogno solo per scoprire che forse non era un sogno. Morpheus (Laurence Fishburne), leader del gruppo, insieme alla donna cyber Trinity (Carrie-Anne Moss) offre a Neo una scelta tra due pillole. La pillola blu gli permetterà di continuare ad esistere nell’ignoranza e la pillola rossa significherà la sua scelta di trovare la verità. Neo sceglie la pillola rossa.

Il film crea due tipi di realtà: la realtà percepita e la realtà reale. Il film insiste sulla domanda dell’esistenza di un potere superiore, e mentre suppone di non sapere chi è quel potere superiore, si immagina che esista una verità assoluta e che questa verità possa essere conosciuta. Purtroppo, la maggior parte dell’umanità ha scelto di non sapere. Il risultato è un mondo dominato dagli dèi che ha creato, gli dei della scienza, della tecnologia e del progresso.

I ribelli rifiutano di accettare che sono vivi solo per alimentare la macchina e per questo motivo il pubblico è incoraggiato a fare lo stesso. Non siamo letteralmente allevati per scopi energetici, allo stesso tempo siamo sotto la legge di ciò che creiamo. Le cose che avrebbero dovuto rendere la vita facile, come le automobili, i frullatori e le lavatrici, sono riusciti a liberare il nostro tempo, ma lavoriamo di più per ottenere più cose che renderanno la vita “più facile”. Nonostante questo “progresso” piangiamo ancora, sentiamo dolore e feriamo gli altri. Inoltre, alla fine moriamo ancora. La morte è la cosa che combattiamo dal giorno in cui siamo nati, eppure è l’unica cosa che è inevitabile. Proprio come la persona media nel Matrix, ci piace credere che abbiamo il controllo e che possiamo raggiungere un mondo perfetto e esistere in esso eternamente. Tuttavia, i nostri tentativi di controllare le nostre vite e le vite future, finiranno solo in una grossa confusione. In fondo è come se sapessimo cosa è vero.

Simile ai personaggi che non conoscono il Matrix, camminiamo facendo qualsiasi cosa che facciamo normalmente e siamo praticamente ignari di dove tutto finisce veramente. Pensiamo che siamo onnipotenti e che se lavoriamo a sufficienza, se ci conosciamo un po’ meglio, possiamo creare il nostro piccolo cielo. Sappiamo poco e quasi tutto quello che pensiamo di credere è il risultato delle menzogne che ci vengono raccontate quotidianamente dagli dei che abbiamo creato. È interessante come nella vita quotidiana (grazie a Hallmark) il paradiso è fatto assomigliare a nuvole soffici con piccoli bambini grassi con le ali. Chi ha avuto questa idea? Ad essere sincero, se qualcuno mi facesse sedere e suonare un’arpa per l’eternità, impazzerei. Il mio punto è che alla fine tutta la verità apparirà e ci sentiremo un po’ come ci aspettavamo. Ci viene data la verità fondamentale di chi è Dio e cosa vuole per noi, ma pensare che possiamo comprendere tutta la possibile verità da soli è assurdo.

Un momento chiave per comprendere questo scopo nel film, è quando uno degli agenti dell’A.I. all’interno di Matrix, l’agente Smith (Hugo Weaving), dice a Morpheus che il Matrix è stato originariamente progettato per essere una specie di utopia per l’uomo mentre aspettava di essere ammuffito su mostri metallici e microchip. L’umanità, tuttavia non accettò la imperfetta perfezione e si ribellò. Smith ci informa che la teoria dietro quella ribellione è che le macchine non hanno potuto comprendere la profondità di un mondo perfetto per l’umanità e quindi non funzionano. L’umanità ha fatto le macchine, proprio come Dio ha fatto l’uomo. La similitudine tra i due è che le macchine non hanno potuto comprendere né creare un mondo perfetto per il suo creatore. Né può l’umanità. Il nostro mondo è rovinato, come lo siamo noi, e come possiamo supporre di creare un mondo perfetto quando siamo noi imperfetti? Come possiamo supporre di sapere cosa è meglio, soprattutto se non sappiamo nemmeno chi è il primo creatore perfetto?

È anche implicito il suggerimento nella dichiarazione di Smith che l’umanità è stata creata per una terra perfetta. Questo è dove le macchine hanno fallito. Come possono creare un mondo perfetto, quando non sanno per che cosa sono stati creati gli abitanti? Sono divinità imperfette. Ci riprovano ancora, proprio come facciamo noi, e sembra che siamo sempre solo ad un passo dalla felicità assoluta, ma da qualche parte in fondo sappiamo che c’è qualcosa di sbagliato. Spot televisivi e, sì, anche i film ci convincono ogni giorno che se anche solo abbiamo X, Y o Z, la vita vale la pena di viverla. Questo non significa che non dobbiamo avere altro. Mi piacciono i miei averi, e non c’è niente di sbagliato nel possederli, ma non è il scopo della vita. La tecnologia ha il potenziale per distruggerci, non perché inevitabilmente è una cosa negativa, ma perché il progresso e le cose materiali sono diventati i nostri dèi, la nostra ragione di vita. Posso dirlo con certezza che Dio non mi ha creato per poter gestire una fattura della MasterCard, ma per poterlo conoscerlo e stare con lui.

Alla fine possiamo supporre, che in gran parte questa è la realtà, che l’anno in realtà è il 1999… forse. Ma importa se non lo è? Il fatto è che alla fine sappiamo che la vita che conosciamo non è la vita che era prevista originalmente per noi. Il Matrix ha una giusta osservazione, e cioè mettere in discussione tutto quello che sai e tutto quello che ti viene detto… sempre. C’è una verità ultima che alcuni hanno il vantaggio di sapere. Per coloro che non lo sanno, consiglio la pillola rossa.