image_pdfPDF

“A Washington DC, in una stazione della metropolitana, in un freddo mattino del gennaio 2007, un uomo con il violino ha suonato sei pezzi di Bach per circa 45 minuti. Durante quel periodo, circa 2000 persone sonno passate per la stazione, molte delle quali sulla via del lavoro.

Dopo circa quattro minuti, un signore di mezza età si accorse che era un musicista che suonava. Egli rallentò il passo e si fermò per alcuni secondi, poi si precipitò verso il suo posto di lavoro. Circa quattro minuti dopo, il violinista ricevette il suo primo dollaro. Una donna gettò denaro nel cappello e, senza fermarsi, continuò a camminare.

Dopo sei minuti, un giovane si appoggiò alla parete per ascoltarlo, poi guardò il suo orologio e ricominciò a camminare.

Dopo dieci minuti, un bambino di circa tre anni si fermò, ma sua madre se lo tirò dietro frettolosamente. Il ragazzino si fermò a guardare il violinista di nuovo, ma la madre lo tirò con più forza e il bambino continuò a camminare girando la testa per tutto il tempo. Questo comportamento fu ripetuto da diversi altri bambini, ma ogni genitore – senza eccezione – costrinse i propri figli a muoversi rapidamente.

Dopo quarantacinque minuti, il musicista continuava a suonare. Solo sei persone si erano fermate e lo avevano ascoltato per un breve periodo. Circa venti persone hanno donato dei soldi, ma tutte continuando a camminare al loro passo normale. L’uomo raccolse un totale di 32 dollari.

Dopo un’ora, il musicista finì di suonare e tornò il silenzio. Nessuno se ne accorse e nessuno applaudì. Non ci fu alcun riconoscimento.
Joshua BellNessuno sapeva che il violinista era Joshua Bell, uno dei più grandi musicisti al mondo. Suonò uno dei brani più complessi mai scritti, con un violino del valore di 3,5 milioni di dollari. Due giorni prima, Joshua Bell fece il tutto esaurito al teatro di Boston, dove il costo medio di una poltrona per sedersi e ascoltarlo suonare la stessa musica era di 100 dollari.

Questa è una storia vera. Joshua Bell ha suonato in incognito nella stazione metropolitana di Washington DC. Tutto questo fu organizzato dal giornale Washington Post come parte di un esperimento sociale sulla percezione, sul gusto e sulle priorità della gente.

Questo esperimento ha sollevato diverse domande:

In un ambiente comune, a un’ora inappropriata, siamo in grado di percepire la bellezza?
Se sì, ci fermeremo ad apprezzarla? Sappiamo riconoscere il talento in un contesto inaspettato?

Una possibile conclusione raggiunta da questa esperienza potrebbe essere questa:

Se non abbiamo un momento per fermarci e ascoltare uno dei migliori musicisti del mondo, che sta suonando alcuni dei più raffinati pezzi musicali mai scritti, con uno degli strumenti più belli mai realizzati …

…quante altre cose ci sfuggono mentre ci affrettiamo a correre nella nostra vita? “

Questo evento mi spinge a riflettere su ciò che è successo tanto tempo fa, quando Dio ha mandato suo figlio Gesù sulla terra, in quel caso non per fare un esperimento sociale, ma perché spinto da un amore profondo verso di noi. Dio si è fatto uomo, ha deciso di far cadere le tue colpe su Suo Figlio e farle espiare a Lui attraverso il sacrificio della croce più di duemila anni fa.

Pochi hanno notato la sua venuta e quasi nessuno ha capito il suo gesto, il suo operato e la sua esistenza, un’esistenza dedicata agli altri a tal punto che è stato rinnegato, abbandonato, deriso, maltrattato e rifiutato da tutti. Nonostante questo, Gesù non si è arreso e ha portato a compimento la sua opera fino in fondo.

Spesso anche noi, mentre siamo presi dalle tante faccende della vita quotidiana, non prestiamo ascolto alla voce del Signore e ci dimentichiamo di apprezzare la cosa più bella che Lui ha fatto per noi, te compreso. Non lasciare che ciò avvenga, fai attenzione alla grandezza del gesto avvenuto duemila anni fa e lasciati guidare dalla sua Parola.

Considera queste parole tratte dalla Bibbia: ” Cercate il Signore, mentre lo si può trovare; invocatelo, mentre è vicino.”

image_pdfPDF